Stress e Alimentazione: quali cibi sono da evitare

Molte volte è difficile gestire il lavoro, gli impegni quotidiani ed essere attenti alla cura del proprio benessere.

Tuttavia, è indispensabile non trascurare la propria salute. Alimentarsi correttamente, praticare sport e il giusto riposo contribuiscono ad uno stato mentale sempre più attivo.

Soprattutto in questi giorni in cui si trascorre molto tempo a casa, è necessaria una maggiore attenzione all’alimentazione per rinforzare le difese immunitarie.

Esiste un modo gustoso e corretto per riportare in equilibrio il corpo attraverso il cibo. Dunque, quali sono i cibi da evitare per abbassare i livelli di stress?

  1. Zuccheri e carboidrati raffinati: Sono le principali cause di stress. Un apporto eccessivo di zucchero comporta il rilascio di grandi quantità di cortisolo per riportare i livelli in equilibrio che provocano disturbi del sonno, mal di testa, abbassamento efficacia del sistema immunitario e altre sensazioni simili allo stress come ansia e paura. Eliminando alimenti con carboidrati raffinati come pasticcini, dolci, merendine e mangiando cibi integrali, i livelli di zucchero saranno mantenuti stabili e ci saranno meno sbalzi di umore e quindi meno stress.
  2. Alcol: Molte bevande alcoliche sono ricche di zucchero che causano stress a loro volta. Inoltre l’alcol aumenta la frequenza cardiaca e la pressione sanguigna disturbando i cicli di sonno-veglia. Se anche addormentarsi sarà più semplice, non si avrà un sonno profondo e al risveglio invece di essere riposati si sarà ancora più nervosi e dunque stressati.
  3. Caffeina: è una sostanza eccitante presente non solo nel caffè ma anche in bevande energizzanti come tè e energy drink. Non è necessario smettere di berlo ma ridurre le dosi. Infatti, troppa caffeina stimola il sistema nervoso e causa un aumento della pressione sanguigna e dei battiti cardiaci, oltre a causare una sensazione di ansia. Perciò chi soffre di ansia, dovrebbe eliminare il caffè.
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *