I paesaggi come risorsa per la salute

I paesaggi contribuiscono al benessere fisico e mentale degli individui.

Un ambiente all’aperto gradevole e facilmente accessibile da casa o da lavoro incita all’attività fisica che, a sua volta, incide positivamente sulla salute. Una ricerca olandese condotta su 350.000 persone ha dimostrato come vivere a meno di un chilometro da un’area verde sia protettivo per molte malattie come problemi cardiovascolari, respiratori, digestivi e forti emicranie.

La natura in generale costituita da vegetazione, campi, prati, colline, corsi d’acqua e suoni stimola sentimenti positivi e riduce le frustrazioni e lo stress con conseguente beneficio sullo stato psichico. Agisce anche sul benessere sociale contribuendo all’impegno e alla partecipazione delle persone nelle attività comuni.

La contemplazione della natura rigenera le risorse psico-emotive: infatti, quando si osserva un paesaggio verdeggiante diminuisce l’attività della corteccia prefrontale, responsabile del ragionamento e concentrazione mentre si attivano le zone più profonde del cervello preposte alle emozioni e alle sensazioni di piacere e benessere.

Dati i molteplici benefici dei paesaggi verdi, architetti e designer studiano come integrare degli ambienti naturali rigeneranti nelle zone residenziali e nei luoghi di ricovero e cura per esercitare un effetto rilassante e ridurre ansia e frustrazione.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *