Mindfulness: i benefici della pratica meditativa

La mindfulness è uno stato mentale della persona che interpreta ciò che percepisce, pensa e prova senza giudizio ovvero senza modificare i pensieri e le emozioni.

L’obbiettivo è quello di eliminare la sofferenza inutile accettando qualunque cosa accada e acquisendo maggiore controllo sulla propria vita.

La pratica della mindfulness attraverso esercizi di meditazione permette di passare da uno stato di disequilibrio ad uno di maggiore percezione di benessere, grazie ad una conoscenza profonda dei propri processi mentali.

Diversi sono i benefici scientificamente dimostrati della pratica meditativa, come:

  1. Riduzione dello stress e migliore gestione della rabbia e di altre emozioni negative, stimolando il sistema nervoso simpatico a rilasciare sostanze antinfiammatorie.
  2. Riduzione della pressione arteriosa e, di conseguenza, protezione da infarti e malattie cardiovascolari.
  3. Miglioramento della salute emotiva, riducendo ansia e negatività e aumentando sentimenti positivi come gratitudine, gioia e compassione.
  4. Incremento dell’attenzione e della memoria stimolando la corteccia prefrontale sinistra e , dunque, favorendo la produttività lavorativa.
  5. Rallentamento dell’invecchiamento delle cellule incrementando l’attività dell’enzima telomerasi, che svolge la funzione di proteggere e stabilizzare il DNA.
  6. Diminuzione della sensibilità al dolore inibendo l’attività della area cerebrale, responsabile dei pensieri ed emozioni negative legate alla sensazione di malessere.
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *