Fermentiamoci!

“Vista l’importanza degli alimenti fermentati per nutrire la flora intestinale e rafforzare le difese immunitarie, oggi vi propongo una ricetta per preparare delle verdure speciali e alcuni condimenti a base di miso, umeboshi, shoyu e malto che potete alternare e usare quotidianamente.

VERDURE PRESSATE

La pressatura è uno stile di cottura vero e proprio che usa solo tre dei quattro fattori che ci permettono di cuocere o “yanghizzare” gli alimenti: il tempo, il sale e la pressione. In questo caso, infatti, il fuoco non viene utilizzato. Così facendo le verdure rimangono croccanti, ma non hanno lo stesso effetto raffreddante delle verdure crude. Sempre per evitare di creare freddo e umido nel corpo, è bene non usare olio a crudo per condirle. Ma l’aspetto che ci interessa di più per il sistema immunitario è che questo stile di cottura permette un inizio di fermentazione, con la formazione di lactobacilli e quindi grande beneficio per il nostro intestino. Naturalmente le verdure indicate possono essere sostituite o integrate con altre a seconda della stagione.

Ingredienti:

½ daikon

2 carote

¼ cappuccio bianco

¼ cappuccio rosso

1 zucchina

5 ravanelli

sale o acidulato di umeboshi

scorza e succo di un limone

Preparazione:

Lavate e mondate la verdura e tagliatela a julienne o comunque più sottile possibile. Trasferitela in una ciotola e conditela con il sale o l’acidulato, mescolando bene con le mani finché non inizia ad ammorbidirsi. A questo punto mettetela in un pressavedure (o in una pentola con sopra un piatto e un peso) e lasciatela sotto pressa per almeno 90 minuti (i tempi variano a seconda della stagione e delle verdure utilizzate, in inverno potrebbero essere necessarie un paio d’ore, in estate potrebbe bastare un’oretta). Quando la verdura avrà rilasciato il suo liquido, strizzatela e conditela con il succo e la scorza di limone. Le verdure preparate in questo modo si conservano per 3 o 4 giorni in frigorifero nel loro liquido. Durante la pressatura potete aggiungere delle alghe (dulse e wakame sono particolarmente adatte), mentre prima di consumarle potete aggiungere frutta secca e semi oleosi tostati, qualche fettina di mela, uvetta ammollata, ecc.

I prossimi condimenti potete prepararli in abbondanza, senza esagerare, e conservarli per alcuni giorni in frigorifero, in modo da averli sempre pronti per condire le vostre verdure al vapore o scottate e renderle ogni giorno diverse e speciali.

CREMA DI MANDORLE E UMEBOSHI

Mescolate in una ciotola 1 C di crema di mandorle e 1 c di purea di umeboshi o 1 prugna schiacciata. Aggiungete dell’acqua, poca per volta, fino a ottenere una consistenza cremosa.

SALSA MISO E TAHIN

Mescolate in una ciotola 1 C di miso di riso o orzo e 1 C di tahin. Aggiungete dell’acqua, poca per volta, in modo da ottenere una consistenza cremosa.

SALSINA AI 4 SAPORI

Mescolate in un vasetto 1 C di malto di riso, 1 C di salsa di soia o tamari, 1 c di succo di zenzero o senape, 1 c di succo di limone o acidulato di riso, mettete il coperchio e agitate bene. Questa salsina è completamente senza olio.

Legenda

C = cucchiaio da tavola

c = cucchiaino da tè “

Ricette di Laura Castoldi, insegnante della scuola “La Sana Gola”

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *