Il Box della Salute diventa un presidio sanitario territoriale

Il comune lucano ha deciso di acquistare di Box della Salute per rafforzare il presidio sanitario sul proprio territorio comunale. Il Box della Salute si presenta come una cabina multi-funzionale contenente dispositivi medici interconnessi e gestiti da un unico software, che consentono l’erogazione di servizi di monitoraggio oltre che analisi specifiche del proprio stato di salute. Il dispositivo multi-diagnostico integra, inoltre, la funzionalità di tele consulto e tele refertazione avvalendosi di specialisti quali cardiologi, dermatologi, pediatri oltre ad essere dotato di un sistema di sanificazione che riduce il rischio di contrarre infezioni o diffondere virus. Per le sue caratteristiche progettuali Box della Salute può essere facilmente posizionato in una molteplicità di luoghi quali ad esempio cliniche mediche, aziende, farmacie, scuole, aeroporti, centri commerciali ed altri.

La tecnologia di sanificazione integrata nel Box della Salute si basa su un sistema costituito da lampade a bassa pressione, chiamate anche “lampade germicida”, che consentono la rapida sterilizzazione di batteri, funghi, virus e qualsiasi microrganismo. Questi tipi di lampade sono impiegate per disinfettare sale operatorie, ospedali, pronto soccorso e strumenti usati nei laboratori di biologia e apparecchiature mediche. Grazie alle dimensioni ridotte del Box della Salute, il sistema automatico con raggi a bassa pressione è in grado di ridurre la carica batterica presente al suo interno, dopo ogni suo utilizzo, in pochi minuti. In questo modo, l’utente entra in un ambiente debatterizzato e trattato in maniera fisica, senza l’uso di sostanze chimiche dannose alla salute.

Perciò, il comune ha deciso di acquistare il Box della Salute e i suoi servizi e metterli a disposizione ai suoi cittadini per fornire assistenza specialistica senza la necessaria presenza fisica del medico e senza doversi recare in ospedale o cliniche mediche, nel nostro caso anche molto distanti dal Comune. Inoltre, ha voluto aiutare il medico di base della zona gestendo su appuntamento solo i pazienti realmente bisognosi di cure e supportandolo fornendogli un primo quadro clinico prodotto proprio da Box della Salute.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *